I siti migliori per scommettere agli scacchi nel 2019

Gli scacchi sono un gioco di antichissime origini, capace di affascinare intere generazioni. Sia in Italia che all’estero sono tantissimi gli appassionati di questo gioco che sembra non conoscere crisi. Proprio per questo, sul web si stanno moltiplicando i siti di scommesse sportive online che offrono l’opportunità di giocare e di puntare sugli scacchi. Per aiutarti a scegliere il sito giusto, il nostro team di esperti ha selezionato per te i migliori siti di scacchi del 2019 in Italia.

Leggendo la nostra guida potrai:

  • Scoprire i siti top di scommesse sugli scacchi del momento
  • Imparare come puntare a scacchi con soldi veri e tramite dispositivi mobili
  • Conoscere i siti di scommesse scacchi con i bonus migliori dell’anno
Show More

Bookmaker

Bonus

Mobile

Sports

Valutazine

Bookmaker

888

  • Ampia offerta di scommesse sportive, soprattutto calcio e tennis
  • Bonus di benvenuto fino a 1000 €
  • Piattaforma mobile compatibile sia con sistema iOS che Android

€ 100 Bonus prima

Logo di Visa
Logo di MasterCard
Logo di Maestro
Logo di Apple Pay
Logo di EntroPay
Logo di Bonifico Bancario
Logo di Skrill
Logo di Neteller
Logo di Paypal
Logo di Postepay
Logo di Sofort Banking

Mobile

Scommetti in gioco

4 /5

Bookmaker

Betfair

  • Sezione esclusiva dedicata al Betting Exchange
  • Bonus di benvenuto doppio, fino a 100 €
  • Opzione Cash out

€ 100 Bonus prima

Logo di Visa
Logo di MasterCard
Logo di Paypal
Logo di Skrill
Logo di Neteller
Logo di Ukash
Logo di Postepay
Logo di Paysafecard
Logo di Bonifico Bancario

Mobile

Scommetti in gioco

4 /5

Bookmaker

LeoVegas Sport

  • Bonus di Benvenuto fino a 100 €
  • Eccellente navigabilità da mobile, sia da browser che app
  • Ottima sezione Live Betting, arricchita dalle “Express Bet” e dalle “Next Occurrence”

€ 200 Bonus prima

Logo di Maestro
Logo di Visa
Logo di MasterCard
Logo di Neteller
Logo di Paysafecard
Logo di Skrill
Logo di Trustly

Mobile

Scommetti in gioco

4 /5

Bookmaker

William Hill

  • Bonus di benvenuto fino a 100 € bonus di 5 € alla verifica del conto
  • Ampia scelta di mercati su cui scommettere, incluse le combo bet e molteplici varianti di under/over
  • Dirette streaming e Live betting sia da PC che da mobile, comprese le scommesse Live “5 minuti”

€ 250 Bonus prima

Logo di Visa
Logo di MasterCard
Logo di Maestro
Logo di Postepay
Logo di Entropay
Logo di Skrill
Logo di Neteller
Logo di Paysafecard
Logo di Bonifico Bancario

Mobile

Scommetti in gioco

5 /5

Bookmaker

Unibet

  • Bonus di benvenuto: 100% sul deposito fino a 50 € 10 € da mobile
  • Sezione Live betting estremamente ricca, sia per gli sport più popolari che per quelli di nicchia
  • UnibetTV per guardare in streaming gratuito centinaia di eventi

€ 50 Bonus prima

Logo di MasterCard
Logo di Visa
Logo di Neteller
Logo di Skrill
Logo di Paysafecard
Logo di Trustly
Logo di Bonifico Bancario

Mobile

Scommetti in gioco

5 /5

Come valutiamo e recensiamo i siti di scommesse sugli scacchi

Come accennato precedentemente, sul web esistono centinaia di siti di scommesse sportive sugli scacchi ed orientarsi, spesso, non è facile.

Per guidarti nella scelta del sito giusto, i nostri esperti hanno valutato e recensito tutti i principali portali di betting presenti online e hanno selezionato per te solo i migliori siti di scommesse sportive dove potrai giocare a scacchi in piena sicurezza.

Per stilare questa classifica, i nostri esperti hanno valutato:

  • Presenza dell’autorizzazione rilasciata dall’AAMS: optando per uno dei siti di scommesse sugli scacchi in Italia inclusi nella nostra classifica, avrai la certezza di giocare solo su siti davvero sicuri e legali. I nostri esperti, infatti, prendono in considerazione solo i portali dotati di regolare licenza rilasciata dall’AAMS, l’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato. L’AAMS è l’autorità ufficiale che in Italia ha il compito specifico di vigilare e regolamentare tutto il settore del gioco d’azzardo e delle scommesse sportive. I siti autorizzati devono indicare chiaramente sui loro portali il numero della licenza. Per ulteriore verifica, i nostri esperti controllano anche sul sito dei Monopoli di Stato l’elenco degli operatori autorizzati in modo da verificare la correttezza e veridicità dell’autorizzazione.
  • Varietà ed ampiezza del palinsesto: Altro aspetto che il nostro team valuta con attenzione, è la varietà ed ampiezza dell’offerta di competizioni ed eventi su cui puoi scommettere. Tutti i siti di scommesse sportive in Italia recensiti sul nostro portale, offrono centinaia di partite, oltre che tornei e tavoli da gioco: avrai, dunque, l’imbarazzo della scelta.
  • Offerta di bonus di benvenuto e di promozioni speciali: Terzo fattore che teniamo in considerazione quando effettuiamo le nostre recensioni, è dato dalla presenza di bonus di benvenuto e di promozioni offerte dai diversi portali, sia per i nuovi iscritti che per gli utenti già registrati. Tutti i bookmaker presenti nella nostra toplist offrono dei bonus sul deposito, promozioni speciali e programmi di fidelizzazione molto vantaggiosi. Inoltre, per i giocatori meno esperti e per tutti coloro che vogliono giocare in maniera gratuita e senza soldi, abbiamo inserito nella nostra classifica anche siti di scommesse sugli scacchi con bonus senza deposito: ciò significa che, iscrivendoti su questi portali, potrai ricevere dei bonus anche senza depositare dei soldi.
  • Possibilità di scommettere anche da dispositivi mobili: tutti i siti da noi recensiti ti danno la possibilità di scommettere e di giocare sia da PC che tramite qualsiasi dispositivo mobile. Sulla nostra classifica, infatti, abbiamo incluso solo portali con un’interfaccia perfettamente compatibile sia con il sistema operativo iOS che Android: ciò significa che potrai piazzare le tue scommesse sportive sugli scacchi live, ovunque e in qualunque momento desideri. Ricorda che, per giocare da mobile, puoi accedere tramite browser oppure scaricare le app dedicate.
  • Qualità e disponibilità del servizio di Assistenza Clienti: infine, per garantirti la migliore esperienza di gioco possibile, abbiamo inserito nella nostra toplist solo i siti dotati di un eccellente servizio di Assistenza Clienti, contattabile H24 tramite diversi canali di comunicazione, come telefono, fax, e-mail o Live chat.

Leggendo la nostra classifica e registrandoti su uno dei siti da noi accuratamente scelti, avrai la certezza di scommettere e di giocare a scacchi solo su bookmaker veramente sicuri, legali e totalmente affidabili. Perché aspettare? Iscriviti subito e inizia a muovere le tue pedine!

Le scommesse più comuni sugli scacchi

Tutti coloro che desiderano scommettere sugli scacchi, hanno a disposizione numerosi tornei e competizioni, sia italiane che internazionali. A livello mondiale, l’organismo che si occupa dell’organizzazione delle diverse gare è la FIDE, la Fédération Internationale des Échecs, ossia, tradotto in italiano, la Federazione Internazionale degli Scacchi. La FIDE coordina a livello internazionale le diverse federazioni nazionali ed organizza alcune delle competizioni e dei campionati più importanti come:

  • Olimpiadi degli scacchi
  • Coppa del mondo di scacchi
  • Campionato del mondo assoluto
  • Campionato del mondo giovanile
  • Campionato del mondo juniores
  • Campionato del mondo femminile
Immagine scommesse

Le tipologie di scommesse sugli scacchi più diffuse sono proprio quelle che riguardano queste competizioni. Puoi puntare sul vincente delle singole partite di ciascun torneo, oppure puoi piazzare delle scommesse a lungo termine sul vincente di ciascuna competizione o sul piazzamento finale di un giocatore.

Altra tipologia di scommessa molto diffusa consiste nel puntare sulla nazionalità e sul paese di origine del vincente. Nel caso delle olimpiadi, ovviamente, si dovrà indicare la nazione di appartenenza del team arrivato primo.

Oltre alle scommesse relative a queste gare internazionali, puoi scommettere anche sul vincente delle partite di qualificazione italiane o sui diversi campionati regionali. Anche in questo caso, puoi optare per scommesse secche sul vincente di ciascun confronto o effettuare una scommessa a lungo termine individuando lo scacchista che vincerà il torneo o la posizione in cui si piazzerà un certo giocatore.

I bookmaker più specializzati offrono, inoltre, la possibilità di piazzare anche altre tipologie di scommesse come, ad esempio, le under/over sulla durata di una partita o sullo scarto di punti tra i due contendenti.

In sintesi, le tipologie di scommesse sugli scacchi più diffuse sono:

  • Vincente della singola partita
  • Outright bet, ossia scommessa sul vincente finale di un torneo/competizione
  • Long-term bet, scommessa a lungo termine sul piazzamento finale di uno scacchista
  • Nazionalità dello scacchista /team vincente
  • Paese di origine dello scacchista /team vincente
  • Under/over sul tempo
  • Under/over sullo scarto di punti

Per piazzare al meglio le tue puntate, puoi consultare la nostra classifica dei siti di scommesse sportive con bonus migliori del momento.

Optando per uno dei siti inclusi nella nostra top list, avrai a disposizione centinaia di scommesse scacchi, pronostici sempre aggiornati e scommesse sportive con quote estremamente vantaggiose.

Perché scommettere sugli scacchi rispetto ad altri sport

Immagine scommesse

Come abbiamo illustrato nelle precedenti sezioni di questa nostra guida alle scommesse sugli scacchi, i tornei e le competizioni scacchiste su cui puoi scommettere sono davvero tante. Rispetto agli altri sport, tuttavia, le scommesse sugli scacchi richiedono una preparazione molto più specifica: è importante conoscere i diversi giocatori che, al contrario degli sportivi più famosi come calciatori, motociclisti, automobilisti o i tennisti, spesso non sono molto popolari.

È fondamentale, inoltre, conoscere bene sia la strategia che la tecnica di gioco: ciò è indispensabile per piazzare scommesse come le under/over o le scommesse a lungo termine. Le scommesse sugli scacchi sono ideali, quindi, per chi ha già una buona dimestichezza con questo gioco e sono perfette per chi è appassionato di giochi di logica e di strategia.

Le scommesse sugli scacchi, inoltre, sono molto amate anche dal pubblico femminile e dai target più adulti. Infine, grazie a questo tipo di puntate, potrai affinare molto il tuo intuito e potrai sviluppare al meglio la componente logica e razionale che ti servirà tantissimo anche per tutte le altre tipologie di scommesse sportive.

In conclusione

Sono pochi i giochi che, al pari degli scacchi, possono vantare origini cosi antiche. Nato in India e diffusosi progressivamente in tutta Europa, gli scacchi sono stata la grande passione dei nobili del Seicento e del Settecento e, ancora oggi, sono considerati un gioco molto raffinato, strategico e estremamente intelligente.

Lo sviluppo tecnologico ha determinato la possibilità di giocare a scacchi anche tramite PC o supporto mobile e ciò ha portato ad un incremento di siti di scommesse che offrono la possibilità di giocare e di scommettere sulle partite di scacchi.

Per aiutarti a scegliere il sito di betting giusto dove puntare i tuoi soldi senza correre rischi, il nostro team di esperti ha stilato una classifica dei migliori siti di scommesse sugli scacchi dell’anno.

Le scommesse sugli scacchi richiedono una preparazione molto più specifica, perciò sono ideali per chi ha già una buona dimestichezza con il gioco o per chi è appassionato di giochi di logica e strategia

Optando per uno dei portali inclusi nella nostra top list, avrai a disposizione decine di tornei e competizioni scacchistiche, sia italiane che internazionali, potrai usufruire di Bonus di benvenuto e di promozioni costantemente aggiornate, avrai un servizio di assistenza clienti sempre disponibile e potrai giocare Live con altri amanti degli scacchi in un ambiente sicuro, legale e totalmente affidabile. Tutti i siti da noi selezionati, infatti, sono dotati di regolare licenza rilasciata dall’AAMS e utilizzano i più alti standard di protezione e sicurezza dei dati in modo da mettere al sicuro sia le tue informazioni personali che finanziarie.

Perché esitare? Iscriviti ora senza impegno ed inizia a giocare!

Breve storia degli scacchi

Secondo molti studiosi, gli scacchi deriverebbero da un gioco diffuso in India nel VI secolo. A seguito dell’influenza e della conquista greco-ellenistica prima e di quella araba poi, il gioco cominciò a diffondersi anche in altre parti della Persia, dell’Asia, della Magna Grecia e dell’Europa sino ad arrivare in Spagna e in Russia. Proprio in Spagna, nel XIII secolo, venne redatto il “Libro de Ios juegos”, uno dei primi testi sugli scacchi. Molto amati dai nobili, dalle corti e dagli intellettuali di tutta Europa, gli scacchi vennero presto denominati il "gioco dei re": tantissimi erano, infatti, i sovrani che si dilettavano con questo gioco, da Ivan il Terribile Zar di Russia ai Re di Spagna Filippo II e Alfonso II, dai sovrani inglesi Enrico I, Enrico II, Giovanni I e Riccardo I d’Inghilterra, alla Regina Isabella.

Fu proprio il re di Castiglia Alfonso X che nel 1283 scrisse il “Libro del Acedrex” in cui venivano fissate nuove regole per velocizzare il gioco. Ma l’influenza dei nobili spagnoli non finisci qui: sembra infatti che nel XV secolo, per rendere omaggio a Isabella di Castiglia, venne rivisto il ruolo della Regina che, da quel momento, divenne il pezzo più importante. Tra il Cinquecento ed il Settecento si moltiplicarono i trattati, le riviste e i manuali sugli scacchi mentre, verso il XIX secolo, cominciarono a nascere i primi club e le prime associazioni londinesi e parigine di scacchisti. Il primo manuale completo sulla teoria degli scacchi venne pubblicato nel 1843 da Von Der Lasa, mentre nel 1851 si tenne a Londra il primo torneo internazionale di scacchi organizzato da Howard Staunton considerato uno dei padri fondatori e uno dei più influenti personaggi del mondo degli scacchi. La stessa codifica dei pezzi si deve a lui. Altri personaggi importanti nella storia degli scacchi furono Steinitz, il primo che adottò un approccio matematico-scientifico ed il primo che nel 1886, dopo una partita con il tedesco Johannes Zukertot, si autoproclamò campione del mondo.

Nel 1894 Steinitz venne battuto da Emanuel Lasker, un giovane matematico tedesco che detiene il record di vittorie, essendo diventato campione del mondo di scacchi per ventisei volte. Nessun giocatore è riuscito ancora a eguagliare questo record.

Dopo un periodo compreso tra il 1993 ed il 2006 in cui si ebbe una divisione tra due correnti scacchiste che determinarono la nascita di due campionati mondiali alternativi, nel 2006 si assistette alla riunificazione con l’ufficializzazione del solo campionato del mondo organizzato dalla FIDE.

La scacchiera

Immagine scacchiera

Il gioco degli scacchi si basa sull’uso di una tavola quadrata, detta “scacchiera” divisa in 64 caselle, dette “case”, di colore alternato chiaro e scuro. In genere, il colore più utilizzato è il bianco ed il nero ma molto dipende anche dal materiale con cui è costruita. In commercio, infatti, esistono scacchiere di legno, metallo, ceramica, marmo, vetro, cuoio, plastica e perfino avorio o metalli preziosi come oro e argento.

Le caselle sono suddivise in 8 colonne verticali e 8 righe orizzontali, dette “traverse”. Le colonne sono contraddistinte dalle lettere dell’alfabeto, dalla “A” alla “H”. Le traverse, invece, sono numerate in maniera ordinata da 1 a 8. Nei tornei internazionali e nelle competizioni ufficiali, ciascuna casa deve avere una forma quadrata con il lato compreso tra i 54,5 e i 56 mm.

Anche la dimensione del tavolo da gioco su cui è posta la scacchiera deve avere delle precise dimensioni standard: la lunghezza minima deve essere pari al doppio di quella della scacchiera mentre, la sua larghezza, deve superare la scacchiera di 15-20 cm. Ciò consente allo scacchista di effettuare i diversi movimenti dei pezzi in maniera più agevole e confortevole.

Sempre nelle competizioni ufficiali, le scacchiere devono essere fatte di plastica, legno o materiali simili. Sono escluse, dunque, le scacchiere artistiche forgiate con altre tipologie di materiale. A partire dagli anni 2000, inoltre, la FIDE ha introdotto anche la possibilità di gioco tramite una scacchiera elettronica collegata, eventualmente, a maxi schermi che proiettano le mosse dei giocatori.

A livello amatoriale, invece, si può optare per scacchiere di tutti i tipi, incluse quelle da viaggio che presentano dimensioni molto ridotte e sono fatte di materiali molto leggeri in modo da essere facilmente riposte in valigia.

La scacchiera, oltre che per il gioco degli scacchi, può essere utilizzata anche per la dama.

I pezzi degli scacchi e le loro mosse

In una partita di scacchi ogni giocatore ha a disposizione 16 pezzi, divisi per tipologia, ruolo e possibilità di mosse. I pezzi sono di colore chiaro e scuro e vengono convenzionalmente denominati “Bianchi” e “Neri”.

Nei tornei internazionali, i pezzi chiari devono avere un colore bianco, crema o tonalità intermedie mentre, i pezzi scuri, possono essere colorati di nero, marrone o con tonalità intermedie.

Sempre a livello ufficiale, è vietato l’uso di finiture lucide che disturbino la vista. Anche la forma dei singoli pezzi deve essere molto precisa e deve rispettare specifiche dimensioni. Inoltre, tutti i pezzi devono essere ben distinguibili.

Ad inizio partita ciascun giocatore ha in dotazione sedici pezzi di scacchi che comprendono:

Immagine i pezzi
  • Un Re
  • Una Regina, detta anche Donna
  • Due Torri
  • Due Alfieri
  • Due Cavalli
  • Otto Pedoni

Il Re, la Regina, le Torri, gli Alfieri e i Cavalli dei due giocatori vanno posizionati, rispettivamente, nella prima e nell'ottava traversa. I pedoni, invece, vanno collocati nelle case della seconda e settima traversa.

Eccezion fatta per i pedoni, l’ordine di collocamento degli altri pezzi deve rispettare precise posizioni e deve essere simmetrico: ai due angoli esterni vanno collocate le Torri, seguite da Cavalli e Alfieri. Al centro va posta la Regina/ Donna affiancata dal Re. Torri e Regina sono pezzi detti “pesanti” perché sono in grado, da soli, di fare scacco matto al Re. Alfieri e Cavalli, invece, vengono detti “pezzi leggeri”.

Il primo a muovere i pezzi sulla scacchiera è, convenzionalmente, il Bianco. I pezzi possono muoversi solamente secondo precisi movimenti e nessun pezzo può occupare una casa dove si trova già un pezzo dello stesso colore ma può occupare una posizione tenuta dai pezzi dello schieramento opposto. In questo caso, il pezzo avversario viene “catturato” e viene eliminato dalla scacchiera.

Vediamo come possono muoversi i pezzi sulla scacchiera:

  • Torri: possono muoversi orizzontalmente o verticalmente lungo una qualsiasi casa della stessa colonna o della stessa traversa in cui si trovano. Nel caso in cui una casa sia già occupata da un avversario, la Torre può catturarlo ed eliminarlo. Se, viceversa, la casella è occupata da un pezzo dello stesso colore, allora la Torre deve fermarsi nella casa precedente. La Torre può essere utilizzata anche nella mossa detta “Arrocco”
  • Cavalli: sono gli unici pezzi che possono “saltare” sulla scacchiera, evitando sia un pezzo avversario che uno dello stesso schieramento. I Cavalli si spostano con un movimento ad “L”, avanzando avanti, indietro, a destra e a sinistra. Ad ogni mossa, il cavallo cambia il colore della casa in cui si trova
  • Alfieri: si muovono diagonalmente in qualsiasi direzione sino a che non incontrano una casa occupata. Gli Alfieri non cambiano mai il colore della casa in cui sono collocati, per questo si parla di “Alfiere caposcuro” e “Alfiere capochiaro”
  • Regina o Donnaè il pezzo più potente degli scacchi: ad ogni mossa può muoversi come vuole e in qualsiasi direzione. Unico movimento che questo pezzo non può fare è quello del salto ad “L” tipico del cavallo. Inoltre, anche se può muoversi come una Torre, la Regina/Donna non può eseguire l’Arrocco.
  • Re può muoversi in tutte le direzioni, spostandosi, però, solo di una casa alla volta. Una sola volta nell’arco di una partita il Re può eseguire l’Arrocco spostandosi di due caselle in direzione di una delle due Torri. L’arrocco si può eseguire solo se il giocatore non ha ancora mosso né la Torre interessata né il Re, se non ci sono pezzi tra la Torre e il Re e se, invertendo i due pezzi, il Re non risulti poi minacciato dalla squadra avversaria. A differenza degli altri pezzi, il Re non può essere catturato ma solo “minacciato.” Quando il Re è sotto scacco il giocatore deve spostarlo. Se il giocatore non può mettere in alcun modo al sicuro il suo Re allora si ha “scacco matto” e la partita termina con la vittoria dell’avversario. Se, invece, il re non è sotto scacco ma il giocatore non può spostarlo nelle caselle adiacenti perché sono tutte minacciate, allora si ha lo “stallo” e la partita finisce in parità poiché il giocatore non può effettuare alcuna mossa consentita.

Un discorso a parte meritano, invece, i pedoni. Vediamo le principali regole di movimento di questi pezzi:

  • A differenza degli altri pezzi, i pedoni possono muoversi solo in avanti e mai indietro
  • Alla prima mossa il pedone può muoversi frontalmente di due o una casa. Dalla seconda mossa in poi, può procedere solo di una casa alla volta a patto che sia libera
  • Se la casa davanti è occupata, il pedone si blocca poiché non può catturare frontalmente il pezzo avversario
  • Il pedone è l’unico pezzo che si muove verticalmente ma che può catturare i suoi avversari solo diagonalmente
  • Il giocatore può spostare il pedone nella casa posta diagonalmente davanti a sé solo per catturare un pezzo avversario. Se la casa è libera deve, per forza, procedere frontalmente
  • Se un pedone riesce ad arrivare sino all’ultima traversa avversaria, allora il giocatore ha diritto a sostituirlo con un altro pezzo più importante a sua scelta tra regina, torre, alfiere o cavallo: ciò, ovviamente, determina un grande vantaggio per il giocatore stesso. Generalmente il pedone viene sempre sostituito con la regina che è il pezzo più pregiato

Come è facile intuire, per sfruttare al meglio i movimenti dei singoli pezzi, è necessario avere un’ottima conoscenza tecnica e tattica del gioco.

Le strategie negli scacchi

Nel gioco degli scacchi, le strategie effettuate dai due contendenti attengono alla pianificazione delle azioni di gioco e delle mosse a medio e lungo termine. L’obiettivo della pianificazione è quello di gestire al meglio la partita e di arrivare, il prima possibile, a fare scacco matto al Re avversario.

In fase strategica vanno considerati diversi fattori, quali ad esempio:

  • Il valore dei singoli pezzi a disposizione
  • Le possibilità di movimento dei pezzi
  • Il controllo del centro
  • Il controllo delle case e dei gruppi di case più importanti
  • La sicurezza del proprio Re

Ovviamente, la valutazione e la gestione tattica e strategica di ogni partita è differente e ogni giocatore ha la sua visione di gioco. Da un punto di vista teorico generale, tuttavia, possiamo distinguere le fasi strategiche in tre momenti:

  • L’apertura
  • Il mediogioco
  • Il finale

Nella fase di apertura, le strategie adottate dai giocatori hanno l’obiettivo principale di raggiungere un corretto sviluppo dei pezzi sulla scacchiera in modo da posizionarli per sfruttare al meglio il loro potere di movimento. In questa fase, ciascun giocatore cerca di conquistare il centro, aprendo il campo ai movimenti dei pezzi più agili come Cavalli e Alfieri. Sempre in questa fase iniziale, è bene muovere correttamente i pedoni, evitando di creare falle e zone di attacco che potrebbero minacciare il Re. Terminata la fase di apertura si passa al cosiddetto “mediogioco”.

Questa fase, strategicamente molto delicata, coincide con il cuore della partita e può essere più o meno aggressiva. Tutto dipende dalle scelte, dallo stile e dalle caratteristiche tattiche di ogni giocatore. In questa fase è importante studiare le azioni che possano permettere di catturare quanti più pezzi avversari possibile, in modo da indebolire l’altro giocatore.

Quando i pezzi sulla scacchiera si stanno per esaurire si entra nell’ultima fase, quella del finale che è, ovviamente, cruciale per l’esito del gioco. In questa fase, se si è in vantaggio, è importante non commettere errori che possono portare l’avversario ad ottenere una patta.

Nella maggior parte delle partite, sia a livello amatoriale che professionistico, il gioco si disputa a tempo, usando un orologio con due pulsanti e due display: ogni giocatore, terminata la sua mossa, ferma il suo orologio e aziona quello dell'avversario. L'orologio presenta una piccola lancetta detta "bandierina” che comincia a sollevarsi quando rimangono cinque minuti e si abbassa di colpo quando il tempo è scaduto.

Domande comuni dai nostril lettori

Se hai qualche ulteriore domanda sul mondo delle scommesse sugli scacchi, puoi consultare le nostre FAQ qui di seguito:

  • Il motivo per cui dovresti scommettere sugli scacchi è molto semplice: perché si tratta di un gioco di strategia estremamente coinvolgente e avvincente dove potrai sviluppare al meglio le tue doti logiche ed intuitive. Iniziare a piazzare le tue scommesse è davvero facile: tutto ciò che dovrai fare è scegliere il tuo bookmaker preferito tra quelli inclusi nella nostra classifica. Solo così potrai essere sicuro di giocare su portali dotati della migliore offerta e dei migliori standard tecnici e qualitativi.
  • Si. Molte persone amano scommettere soldi veri sugli scacchi. Le tipologie di scommesse sono molte e includono le classiche under/over, outright, long-term bet e così via. Unica accortezza che devi avere quando effettui transazioni online e depositi il tuo denaro, è quella di utilizzare solo siti sicuri, affidabili e legali come quelli presenti nella nostra toplist. Solo così potrai scommettere i tuoi soldi senza correre rischi.
  • Sì, su internet esistono centinaia di siti di scommesse che offrono la possibilità di giocare online a scacchi tramite specifici software. Per scegliere il portale giusto su cui poter giocare a scacchi da PC o da mobile in piena sicurezza e con la miglior qualità tecnica e grafica, puoi dare un’occhiata alla classifica stilata dai nostri esperti.
  • Si. Tutti i siti di scommesse presenti nella nostra toplist offrono dei bonus di benvenuto molto vantaggiosi. Per riscattare i bonus ti basterà, semplicemente, iscriverti gratuitamente online e rispettare i criteri di punta definiti dal sito. Oltre ai bonus di benvenuto potrai trovare anche altre offerte e promozioni come bonus fedeltà, programmi VIP e bonus speciali.
  • Certamente. Registrandoti su uno dei siti inclusi nella nostra classifica, potrai piazzare le tue scommesse tramite qualsiasi dispositivo mobile. Tutti i siti da noi scelti, infatti, presentano un’interfaccia perfettamente compatibile sia con il sistema operativo iOS che Android.